Il pellegrinaggio al Santuario del Poggetto, una tradizione che rivive

Il Santuario della Beata Vergine del Poggetto (da Panoramio © sguinguetta)

Il Santuario della Beata Vergine del Poggetto (da Panoramio © sguinguetta)

Forse in pochi ne saranno a conoscenza, ma a Ferrara, a partire dal ‘700, era tradizione recarsi in pellegrinaggio dal Santuario del Crocifisso di San Luca al Santuario della Beata Vergine del Poggetto, situato a circa una decina di chilometri dal centro cittadino, percorrendo il cosiddetto “argine delle carrozze”. Una tradizione popolare portata avanti per diverso tempo, caduta poi in desuetudine con il passare degli anni. Oggi però quella tradizione può riprendere vita. Domenica 8 settembre, infatti, il pellegrinaggio sarà riproposto a tutti i ferraresi e non; questo grazie soprattutto alla volontà e all’impegno di singoli cittadini e di rappresentanti del volontariato e dell’associazionismo sportivo.
È nato tutto spontaneamente, ed è stato un evento organizzato in appena due mesi – ha detto Maria Gabriella Russo, organizzatrice dell’iniziativa -. Abbiamo fatto tante telefonate a diversi gruppi e associazioni, alla fine hanno detto tutti di sì, c’è stata veramente una grande coralità”. Don Luca Martini, rettore del Santuario, ha invece sottolineato l’aspetto assolutamente popolare del gesto. “L’iniziativa non è partita da me o dall’Arcidiocesi – ha spiegato – ma dai fedeli, questo è particolarmente importante perché il Poggetto è nato grazie alla devozione popolare di gente semplice del luogo”.

L’iniziativa ha anche ottenuto il pieno appoggio dell’arcivescovo di Ferrara-Comacchio, Mons. Luigi Negri, che presenzierà alle celebrazioni previste nell’arco della giornata impartendo la benedizione a tutti i partecipanti (domenica, ore 15.00).

Un’occasione, dunque, per un grande ritorno alla tradizione. Un’iniziativa che ha senza dubbio il merito di provare a restituire il grande valore storico e di fede di un luogo sacro piccolo nelle dimensioni ma molto caro alla città di Ferrara. Un avvenimento tutto sommato semplice, ma che vuole ricalcare, sia nella forma che nella sostanza, quel gesto nato secoli fa dalla fede umile e sincera di un popolo. Un evento che, come si augurano gli organizzatori, potrà tornare ad essere, per gli anni a venire, un appuntamento fisso per la città. E, aggiungo io, anche una pietra che potrà costituire, insieme ad altre, la base per creare una comunità più forte e più viva.

Il programma

Il ritrovo dei partecipanti è fissato a partire dalle ore 8.00 presso l’Ippodromo comunale di Ferrara, luogo presso il quale sarà possibile iscriversi al pellegrinaggio. Le partenze per il Santuario, a piedi, in bicicletta, in carrozza o in pulmino (per anziani o partecipanti a ridotta mobilità), saranno possibili dalle 9 alle 12.
All’arrivo presso il Santuario sarà offerta a tutti i partecipanti una rosa bianca da offrire alla Beata Vergine Maria in segno di devozione.
All’atto dell’iscrizione sarà richiesto un contributo di 10 euro che sarà devoluto in favore della ristrutturazione post-terremoto del Santuario della B.V. Del Poggetto.

11.00 Santa Messa in rito romano antico
15.00 Benedizione ai presenti di S. E. Mons. Luigi Negri, arcivescovo di Ferrara-Comacchio
17.30 Santa Messa festiva

Nell’area adiacente al Santuario sarà presente uno stand gastronomico e un’area giochi gonfiabili per bambini.

Il programma completo può essere consultato sul sito ufficiale del Santuario www.santuariodelpoggetto.it.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...