Vivere e amare: prende il via il XXXII Seminario Quarenghi

La locandina del Life Happening "V. Quarenghi" 2015

La locandina del Life Happening “V. Quarenghi” 2015

Se circa duecento giovani provenienti da ogni parte d’Italia si riuniscono per un’intera settimana in nome della difesa della vita vuol dire che non siamo di fronte a un fatto scontato; ancor meno scontato se si tiene conto che l’appuntamento si rinnova di anno in anno per un totale di trentadue edizioni consecutive. Saranno proprio questi giovani, di età compresa tra i 15 e i 35 anni, ad animare il tradizionale life happening “Vittoria Quarenghi”, promosso e organizzato dal Movimento per la Vita italiano.

Il seminario, principale evento pro-life dedicato ai giovani nel nostro Paese, si svolgerà quest’anno, dal 26 luglio al 2 agosto, all’Hotel Villa del Mare di Acquafredda di Maratea, in provincia di Potenza. Qui, in uno splendido ambiente affacciato su uno degli scorci più suggestivi del Tirreno, si susseguiranno incontri, seminari di formazione e momenti di riflessione, il tutto nel contesto di un clima di vacanza, che prevederà anche periodi di svago e animazione.

Il tema scelto per l’edizione di quest’anno è “Nati per vivere – Storie d’amore immenso”. Vivere e amare, dunque, saranno le due parole chiave dell’edizione che sta per prendere il via. Vivere e amare: due azioni che nella storia umana, nonostante le avversità, vanno di pari passo e che in una vita compiuta e realizzata tendono a coincidere alla perfezione. Due chiavi di lettura fondamentali per decifrare la realtà umana; un lavoro che verrà svolto nel corso della settimana soprattutto grazie a testimonianze di vita vissuta portate dai numerosi relatori che si alterneranno sul palco e, perché no, anche dagli stessi giovani, che potranno condividere le loro storie con gli altri partecipanti in un’occasione unica di arricchimento interiore a livello personale e di comunità.

Un’opportunità da cogliere con vivo e sincero interesse. Il motivo è molto semplice da spiegare: questi giovani, anche senza saperlo, si trovano davanti a sfide cruciale per il loro avvenire e quello di tutta la società. A loro sarà richiesto di ricoprire un ruolo da veri protagonisti, in cui le loro scelte avranno, in misura certamente superiore rispetto alle generazioni passate, ricadute sostanziali sul mondo in cui saranno chiamati a vivere; il Quarenghi, pur nella sua piccola dimensione rispetto al resto del mondo, rappresenta senz’altro una grande occasione educativa per loro: un momento di incontro e di confronto vissuto comunitariamente senza soggezione e in pieno clima di amicizia.

L’auspicio, che si ravviva ogni anno di più, è che i ‘quarenghini’ (questo l’appellativo con il quale si identificano i partecipanti) possano tornare nelle loro città diventando veri e propri “ambasciatori della cultura della vita”, una cultura che oggi non trova certo terreno fertile nella società ma il cui apporto si rivela ogni giorno sempre più decisivo per edificare quel buon umanesimo di cui oggi si sente tanto la mancanza qui in Occidente.

A questi giovani ma volenterosi partecipanti l’arduo ma altrettanto appassionante compito di preparare la terra e di piantare i buoni semi di questa cultura di vita. Una grandissima responsabilità alla quale – ne vogliamo tutti essere certi – nessuno si sottrarrà. Buon Quarenghi a tutti!

Per saperne di più sul life happening e sull’impegno quotidiano dei giovani pro-Life in Italia potete consultare il sito www.prolife.it.

Andrea Tosini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...