Quei cinque minuti insieme a Sara

Una mia breve riflessione sul significato dell’incontro, tra aspetti professionali ed umani. L’articolo a cui questo pezzo fa riferimento si trova qui.

SaraBuccolini-fotopiccola

Sara Buccolini

Il lavoro giornalistico ha una caratteristica ben riconoscibile: si raccontano fatti e storie che in un modo o nell’altro hanno sempre a che fare con le vite delle persone. È un lavoro che mette al centro l’incontro. E incontrare una persona, anche solo per pochi minuti, vuol dire incontrare la sua umanità, i suoi sogni, le sue preoccupazioni, le sue speranze e, in un certo senso, il suo destino. Ebbene, io ho incontrato Sara. L’ho incontrata quasi un anno fa, nel maggio 2015, nel Dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara, il luogo che lei aveva scelto per dare corpo a una parte importante delle sue speranze per il futuro. Un incontro di soli cinque minuti, non programmato, per raccogliere ‘al volo’ delle brevi impressioni che avrebbero dovuto far parte di un’inchiesta sulla vita degli studenti universitari a Ferrara. Poi, quell’indagine, per una serie di motivi di vario ordine, è rimasta in sospeso.

Ma la memoria viva di quell’incontro rimane intatta e lascerà sicuramente un segno profondo: professionalmente, ma ancora di più umanamente. Cinque minuti, il cui vero valore sta nell’incontro e nella presenza che si è resa viva in quei momenti. Solo cinque minuti, al termine dei quali Sara ha affidato a un sorriso le sue speranze per il futuro. Cinque minuti ora consegnati all’Eternità: si dice infatti che quando una persona muore, prende con sé e porta a Dio tutto ciò che ha condiviso con noi, così che una parte di noi è già presso Dio. Allora, pur nel dolore di questa vicenda, rimane una grande certezza: la gratitudine per avere incontrato Sara, in un breve ma decisivo momento che da oggi unisce terra e cielo.

Andrea Tosini

Editoriale pubblicato su La Voce di Ferrara-Comacchio dell’8 aprile 2016, pag. 4

***   ***   ***   ***   ***   ***

«Meno apparenza e più sostanza»

L’intervista a Sara (Ferrara, 15 maggio 2015)

Per volontà della famiglia di Sara, pubblichiamo la trascrizione della breve intervista realizzata il 15 maggio 2015 presso il Dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara.

Ferrara è una città a misura di studente universitario? Quali sono per te i pregi e i difetti di questa città?

Tra i pregi sicuramente l’utilizzo delle bici, perché da me non si utilizzano e quindi è una città vivibile dal punto di vista ambientale, perché sicuramente non c’è smog. Poi, al contempo, di negativo, il centro storico che non è agibile dalle macchine.

Noi adesso stiamo attraversando un periodo di crisi, non solo economica. Nel tuo piccolo, cosa faresti per rispondere a questa crisi?

La crisi secondo me è prima di tutto mentale, perché se si è convinti di essere in crisi magari anche chi ha disponibilità di denaro non spende. Poi, secondo me, questi sono anche periodi positivi perché magari si coopera di più tra le persone e si riscoprono i veri valori: un po’ meno apparenza e più sostanza.

Come immagini la tua vita fra dieci anni? La immagini a Ferrara o da un’altra parte? Che valore dai al lavoro e alla famiglia?

Magari sarebbe un posto per formare la mia famiglia, però non tra dieci anni. A trent’anni penso che la mia disponibilità ad avere una famiglia sia ancora bassa. Quindi, diciamo… forse l’inizio, il primo nucleo familiare, il primo bimbo! Ma a trent’anni… sono cose (sorride)… neanche ci penso ancora!

Intervista pubblicata su La Voce di Ferrara-Comacchio dell’8 aprile 2016, pag. 4

Annunci

One thought on “Quei cinque minuti insieme a Sara

  1. Pingback: Sara, una vita in cammino per una positività – Il blog di Andrea Tosini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...