“Nasce una Vita”, a Prato una luce per ogni bambino che viene al mondo

chiesasantannaprato

Il chiesino di Sant’Anna a Prato (fonte: Toscana Oggi)

Una nuova vita che viene al mondo rappresenta certamente un evento degno di nota di questi tempi, un avvenimento che assume sempre di più una valenza pubblica, da sottolineare e da far conoscere a tutta la società. In questo senso, una delle iniziative più rilevanti consiste nell’accensione, per alcuni secondi, di un lampione in una zona centrale della città nel momento in cui un bambino viene alla luce. In Italia, un significativo esempio di questo tipo si è avuto a Roma in occasione Continua a leggere

Annunci

«Difendiamo la vita per comprendere il presente e progettare il futuro»

IMG_7254_1600x1200

Ettore Gotti Tedeschi, mons. Luigi Negri e Virginia Coda Nunziante all’incontro “Difendiamo la Vita” il 10 marzo 2016 a Ferrara

Il 10 marzo si è tenuto a Ferrara, nel salone di Casa Cini, l’incontro “Difendiamo la vita per comprendere il presente e progettare il futuro” alla presenza di Ettore Gotti Tedeschi, economista e banchiere, già presidente dell’Istituto per le Opere di Religione, di Virginia Coda Nunziante, portavoce della Marcia nazionale per la vita, e di mons. Luigi Negri, arcivescovo di Ferrara-Comacchio. L’evento, organizzato a cura dell’Ufficio comunicazioni sociali dell’Arcidiocesi, aveva una funzione preparatoria in vista della sesta edizione della Marcia nazionale per la Vita, in programma a Roma per il prossimo 8 maggio.

CODA NUNZIANTE: «LA MARCIA È UN INNO ALLA BELLEZZA DELLA VITA». A Virginia Coda Nunziante, portavoce della Marcia nazionale per la Vita, è toccato il compito di introdurre Continua a leggere

Ora il tema della vita va affrontato a viso aperto

difesadellavita

È notizia di una settimana fa: nel Veneto, precisamente nell’ambito dell’Ulss 16, il Movimento per la Vita potrà finalmente entrare negli ospedali. La convenzione, della durata di cinque anni, permetterà ai volontari pro-life di svolgere attività di “accoglienza, ascolto, sostegno morale e psicologico a favore delle pazienti”, nonché “interventi a tutela di maternità e genitorialità e per la sensibilizzazione della comunità civile”. L’iniziativa partirà dal polo ospedaliero di Piove di Sacco, in provincia di Padova, e i volontari che opereranno nella struttura sanitaria saranno identificabili tramite apposito distintivo.
Continua a leggere