Silenzio elettorale, e ora riflettiamo un po’

urnebuttatevia

Urne elettorali tra i rifiuti (foto: leccesette.it)

Domani, domenica 5 giugno (dalle 7 alle 23), si vota in molte città importanti italiane e in numerosi altri comuni (oltre 1.300) per il rinnovo delle amministrazioni locali. La campagna elettorale per queste tornate, finalmente, è giunta al termine. Perché dico ‘finalmente’? Perché, se vogliamo essere onesti, questa non è stata certo una bella campagna elettorale. Il tutto è stato notevolmente amplificato dall’utilizzo, che mi verrebbe da definire ‘immaturo’ e ‘distorto’, dei Continua a leggere

Annunci

San Francesco di Sales, un esempio da seguire per i giornalisti di tutti i tempi

Oggi, 24 gennaio, ricorre la memoria di San Francesco di Sales (1567-1622), vescovo e dottore della Chiesa. Dal 1923 patrono dei giornalisti. Un breve commento sulla storia di un grande santo che ancora oggi merita di essere considerato come punto di riferimento imprescindibile per chi opera nel mondo del giornalismo e della comunicazione.

SanFrancescodiSales

San Francesco di Sales (1567-1622)

La voce e la scrittura sono i due mezzi principali che l’uomo ha usato, e tuttora usa, per comunicare. La voce ha il dono dell’immediatezza e può essere declinata secondo diverse sonorità capaci di conferire ai significati numerose sfumature. Ma la scrittura ha senz’altro il pregio della solidità, di essere qualcosa che dura nel tempo e nello spazio. Allora poteva succedere che, anche in epoche in cui la gran parte della trasmissione dei saperi e delle conoscenze avveniva oralmente, la scrittura si ritagliasse, per necessità, uno spazio di prim’ordine sulla scena della comunicazione.

In questo senso, un caso emblematico è quello di San Francesco di Sales (1567-1622). Continua a leggere